Riforme premi LAMal in stallo: si proceda con un decreto urgente!

È di oggi l’annuncio di un nuovo aumento per il 2013 dei premi casse malati dell’ordine dell’1.5% per la Svizzera.

Per taluni cantoni, tra cui il Ticino, la notizia è particolarmente dolorosa poiché nel 2012 è continuato l’accumulo delle riserve eccedentarie delle casse malati (196 milioni nel 2010, ca. 352 milioni nel 2012). Malgrado ciò i cittadini ticinesi subiranno nuovamente un aumento dei premi per il 2013 dell’1,1%. Il che, seppur contenuto, è pur sempre un aumento, e non è giustificato.

Nella sua risposta del 17.09.2012 a una mia domanda, il CF Berset ha dichiarato che “à défaut de base légale, l’OFSP ne peut que suggérer, mais non pas imposer une baisse des primes”. Per sopperire all’assenza di base legale il Consiglio federale ha allestito il progetto di nuova Legge federale sulla vigilanza sull’assicurazione sociale malattie, che prevede un riequilibrio delle riserve calcolatorie eccedenti il limite normativo a fine 2011. Queste riforme sono sempre allo studio della CSSS-S. La loro entrata in vigore era prevista per il 2013 e avrebbe dovuto colmare un’importante lacuna giuridica nella procedura di approvazione dei premi, impedendo nella fattispecie rialzi ingiustificati dei premi come invece avviene da qualche anno. Dovrebbero inoltre assicurare maggiore trasparenza nella gestione delle casse malati.

Poi l’idea era stata accantonata a vantaggio della riforma summenzionata, la cui messa in vigore si prospetta però lunga e irta di difficoltà. Per questi motivi, una disposizione transitoria potrebbe assicurare una soluzione ponte sottoforma di maggiori poteri all’UFSP per imporre una diminuzione dei premi quando sono effettivamente superiori all’importo necessario per coprire i costi sanitari di un determinato cantone.

Ricordo che già nel 2010 il Consiglio federale (risposte 10.5411; 10.5464) aveva sostenuto l’idea di procedere a una modifica della LAMal per il tramite di un decreto federale nell’intento di sopperire al vuoto giuridico evidenziato nel 2009 dalla sentenza del TAF, nella vertenza che aveva contrapposto l’OFSP ad Assura.

Alla luce di quanto precede chiedo al Consiglio federale:

di verificare l’opportunità di promulgare un decreto urgente in attesa dell’entrata in vigore della nuova legge federale sulla vigilanza delle casse malati e del disegno di modifica della LAMal sulla correzione dei premi pagati tra il 1996 e il 2011.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *