Mozione – Agevolare il transito dei pullman attraverso la galleria del Gottardo

Testo della mozione:

Il Consiglio federale è incaricato di adottare misure affinché i pullman che dalla primavera all’autunno transitano attraverso la galleria del Gottardo non abbiano a sopportare tempi di attesa particolarmente lunghi.
Motivazioni:

Chi intraprende in pullman un viaggio verso il sud della Svizzera contribuisce in modo significativo a decongestionare il traffico. Un autobus trasporta molte persone e occupa meno spazio di un mezzo di trasporto privato. Con 14 metri di lunghezza e due piani di altezza un simile veicolo può trasportare sino a circa 80 passeggeri. Anche in termini di efficienza energetica i pullman sono particolarmente ben posizionati nel raffronto con altri mezzi di trasporto: il consumo pro capite per 100 chilometri si aggira attorno a 0,7 litri di carburante, di gran lunga inferiore al trasporto privato. Con questi parametri un pullman può essere considerato in termini di efficienza, rispetto dell’ambiente e comfort un prezioso e sostenibile mezzo di trasporto.

Durante i periodi estivi che provocano gli abituali ingorghi davanti alla galleria del San Gottardo, l’introduzione di speciali agevolazioni per il passaggio di pullman costituirebbe un segnale positivo a vantaggio del trasporto collettivo rispetto a quello privato.

Privilegiando i pullman non ci sarebbe in ogni caso nessuna concorrenza con gli altri mezzi di trasporto pubblici, poiché i bus nei periodi di ferie spesso hanno come destinazione dei luoghi turistici, che sono mal serviti dai mezzi pubblici (ad es. colonie di vacanza).

Inoltre il bilancio del loro impatto ambientale depone a favore dei pullman che non temono raffronti con le ferrovie. Infatti, per ogni persona che viaggia per una distanza di circa 100 chilometri, le auto hanno bisogno di mezzo litro di diesel e producono solo la metà del CO2 rispetto ai treni.

In Svizzera ogni anno vengono sostituiti circa il 10 per cento dei pullman.
Dopo che il Consiglio degli Stati aveva già accettato la richiesta d’introdurre delle disposizioni a favore dei trasporti collettivi, il Consiglio nazionale a fine 2012 aveva respinto un’analoga proposta d’introdurre delle simili agevolazioni. Tuttavia, l’esperienza degli scorsi mesi e l’inizio della nuova stagione turistica ripropongono l’esigenza di  trovare una soluzione ragionevole entro il 2014, analogamente a quanto già avviene con il traffico merci interno (cosiddetto traffico S) che gode di un trattamento preferenziale.

 

Fabio Regazzi

Consigliere nazionale

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *